Archivi giornalieri: 6 aprile 2016

rassegna sindacale

 

del 05/04/2016

 

Catania: mille posti di lavoro con riqualificazione centro storico

Cgil e Fillea chiedono che “le istituzioni rispettino i tempi e riflettano in fretta sull’opportunità di trovare precise strategie di sostegno al progetto”
04 aprile 2016 ore 19.13

 
 

Referendum trivelle: 5/4 conferenza congiunta Emiliano-Landini

Il presidente della Regione Puglia e il segretario generale della Fiom presenteranno la manifestazione del 10 aprile a Bari. Con loro anche Rossella Muroni, Presidente Legambiente e Dante Caserta vice presidente Wwf,
04 aprile 2016 ore 18.24

             
 
 

Salvataggio banche: Fisac Cgil, dal governo niente per i lavoratori

L’esecutivo rigetta l’ipotesi di “clausole sociali” per i circa 7000 dipendenti diretti e non dei territori coinvolti dai crack di Banca Etruria, Banca Marche, CariFerrara e CariChieti
04 aprile 2016 ore 17.58

             
 
 

Gela e Termini Imerese: accordo sugli ammortizzatori in deroga

Accordo tra sindacati e Regione: destinate ai circa 750 lavoratori delle due aree di crisi il 5% delle risorse del 2016
04 aprile 2016 ore 17.49

             
 
 

Energia e petrolio, proclamato lo stato di agitazione

La decisione dei sindacati di categoria visto lo stallo della trattativa per il rinnovo del contratto. “Insufficienti le risposte fornite da Confindustria-Energia”. Prossimo round il 14 aprile
04 aprile 2016 ore 16.32

             
 
 

«Via la reversibilità dal disegno di legge sulla povertà»

“Anche per questo – ribadiscono i pensionati della Cgil dopo l’audizione di oggi (4 aprile) alla commissione Lavoro della Camera – saremo il 19 maggio in piazza del Popolo a Roma insieme alle sigle di categoria di Cisl e Uil”
04 aprile 2016 ore 16.14

             
 
 

Catania, oggi (4/4) presentazione piano per la città

04 aprile 2016 ore 15.52

             
 
 

San Camillo (Rm): domani (5/5) tavola rotonda su futuro ospedale

04 aprile 2016 ore 15.37

             
 
 

Filctem Pesaro: nuovo presidio ex lavoratori Conus

04 aprile 2016 ore 15.27

             
 
 

Seves, 5 aprile conferenza stampa a Firenze

Prevista una performance scenica dei lavoratori
04 aprile 2016 ore 15.25

             
 
 

Sanità e welfare, le richieste dei pensionati toscani

04 aprile 2016 ore 15.08

             
 
 

Donne, il Welfare che non c’è

Esposito (Fisac Campania) a RadioArticolo1: “Pezzi di salario contrattato si spostano sempre più verso il welfare aziendale e quindi occorre mettere un po’ d’ordine nelle misure e negli interventi”
04 aprile 2016 ore 15.08

             
 
 

Al via la vertenza costruzioni

Con lo slogan ‘UnitiXilFuturo’, il 5 aprile a Roma si tiene l’assemblea unitaria di Feneal, Filca e Fillea. I sindacati puntano su tre temi ‘sensibili’ per oltre un milione di lavoratori in difficoltà: lavoro, pensioni e contratto
04 aprile 2016 ore 14.52

             
 
 

Milano, 7/4 iniziativa “Caveman allo Spi – Donne e uomini vincono insieme”

04 aprile 2016 ore 14.51

             
 
 

Cgil Palermo: aggressione a ragazzi del Gambia

Il sindacato: “Sono stati provocati e offesi. Conosciamo Yusupha Susso, è un ragazzo impegnato e sportivo, estraneo alla violenza”
04 aprile 2016 ore 14.15

             
 
 

Sindacati Siena, 11 aprile convegno su medicina di genere

04 aprile 2016 ore 13.26

             
 
 

Nidil Lecce, 7 aprile convegno

04 aprile 2016 ore 13.16

             
 
 

All’Aran si apre il tavolo sui comparti

Incontro con i sindacati per la riduzione a 4 dei settori pubblici. Un passaggio fondamentale per far ripartire le trattative per i rinnovi fermi da 8 anni. I sindacati puntano a tutelare autonomia e specificità, ma resta il nodo delle risorse
04 aprile 2016 ore 12.49

             
 
 

Metalmeccanici, 8/4 a Bari attivo di Puglia e Basilicata

04 aprile 2016 ore 12.48

             
 
 

Fiom-Fim-Uilm Veneto: 6/4, 1.000 delegati con Landini, Bentivogli e Palombella

04 aprile 2016 ore 12.48

             
 
 

Friuli Venezia Giulia, scatta mobilitazione del pubblico impiego

04 aprile 2016 ore 12.43

             
 
 

Trasporti, sfida complessa per il futuro del paese

Il segretario generale della Filt Alessandro Rocchi incontra la redazione di Rassegna. La semplificazione dei contratti, l’estrema frammentazione di alcuni comparti, le irregolarità. E poi la questione centrale: come riunificare i diritti dei lavoratori
04 aprile 2016 ore 12.43

             
 
 

Camere di commercio, 5 aprile convegno Cgil

A Roma in corso d’Italia 25 dalle ore 10
04 aprile 2016 ore 12.18

             
 
 

Fp Cgil-Cisl-Uil Lombardia: 7/4 è sciopero generale

I sindacati della Pa: “Rinnovare i contratti pubblici e privati, migliorare i servizi, valorizzare il lavoro”
04 aprile 2016 ore 12.08

             
 
 

Seta (Modena), 11 aprile sciopero

04 aprile 2016 ore 11.49

             
 
 

Non siamo un Paese per donne

L’estromissione di Linda Laura Sabbadini, ricercatrice Istat stimata a livello internazionale, è un avvenimento che non può passare inosservato, considerato il suo ruolo di pioniera nel raccontare le questioni di genere attraverso la statistica
04 aprile 2016 ore 11.48

             
 
 

Cgil-Cisl-Uil Marche: siglata intesa con Inps su negoziato per la cig

I sindacati: “Con la Regione Marche, trovare un’immediata soluzione per approvare le liste di mobilità”
04 aprile 2016 ore 11.40

             
 
 

Cgil Genova, 6 aprile convegno per 120 anni

04 aprile 2016 ore 11.38

             
 
 

Panama papers: Cofferati, serve trasparenza

04 aprile 2016 ore 10.48

             
 
 

Pensionati, 19 maggio manifestazione nazionale a Roma

Indetta da Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil, il 7 aprile conferenza stampa sulle motivazioni. No del segretario Ivan Pedretti all’ipotesi del presidente Inps Boeri di un contributo di solidarietà: “Abbiamo già dato, basta con l’essere messi sempre alla gogna
04 aprile 2016 ore 10.47

             
 
 

RadioArticolo1: i programmi di oggi

04 aprile 2016 ore 10.39

             
 
 

Comparto unico: Cgil Friuli, via alla mobilitazione

Si inasprisce la vertenza sul contratto: i sindacati pubblici convocano i media stamattina, alle 11,30, a Trieste, presso la sede regionale
04 aprile 2016 ore 10.32

             
 
 

Gli appuntamenti dal 4 al 9 aprile

Inizia la raccolta delle firme per la Carta dei diritti universali, riprende il confronto sulla ridefinizione dei comparti nel pubblico impiego, mentre i lavoratori di General electric scendono in piazza in tutta Europa e i sindacati edili si confrontano
04 aprile 2016 ore 10.30

             
 
 

Meccanici, parte la volata per lo sciopero

Dopo Torino e Napoli, oggi (4 aprile) a Bologna attivo unitario, dopo ben otto anni, di Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil per decidere la gestione dello stop di quattro ore indetto per il 20 aprile. I prossimi appuntamenti: il 6 aprile a Vicenza, l’8 a Bari
04 aprile 2016 ore 09.39

             
 

News Ministero del Lavoro

 

 

4 aprile 2016

Accordo di programma tra il Ministero e il CONI

Nel 2016 è stato rinnovato l’accordo di programma per la realizzazione di attività volte a favorire l’inclusione e l’integrazione sociale dei migranti attraverso lo sport e a contrastare le forme di discriminazione e intolleranza

 

Immigrazione

 

4 aprile 2016

Convenzioni LSU 2016

Conclusione iter controlli convenzioni LSU annualità 2016

 

Ammortizzatori sociali e incentivi all’occupazione

 

30 marzo 2016

Firmato decreto sui premi di risultato e la partecipazione agli utili di impresa con tassazione…

La norma, contenuta nella legge di stabilità 2016, prevede una tassazione agevolata con imposta sostitutiva del 10%

 

Comunicati

Documenti e Norme

Ministro e Ministero

immagine di un lavoratore del call center

 

30 marzo 2016

Sostegno al reddito a favore dei lavoratori del settore call-center

Circolare di chiarimento sulla durata del trattamento di sostegno al reddito per i lavoratori del settore call-center.

 

Ammortizzatori sociali e incentivi all’occupazione

 

25 marzo 2016

Dimissioni telematiche assistite nella DTL

Il Ministero con la nota Nota direttoriale del 24 marzo 2016 chiarisce il riferimento alle Commissioni di certificazione costituite presso le Direzioni Territoriali del Lavoro

 

Strumenti e Servizi

 

24 marzo 2016

Attività ispettiva

Esonero contributivo per assunzioni a tempo indeterminato; accertamenti su 338 imprese, per 64 trasmessa informativa di reato all’Autorità giudiziaria

 

Comunicati

Stampa e Media

Erogazione contributo 2016 LSU

 

24 marzo 2016

Erogazione contributo 2016 ai Comuni con meno di 5.000 abitanti per la stabilizzazione di LSU,…

Trasmessi all’Ufficio Centrale del Bilancio gli ordini di pagamento del contributo 2016 per la stabilizzazione di Lavoratori Socialmente Utili, Elenco n.2

 

Ammortizzatori sociali e incentivi all’occupazione

 

23 marzo 2016

Poletti: promuovere la crescita delle competenze dei giovani nel digitale e nell’informatica, per…

Siglato oggi, a Roma, il protocollo d’intesa tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il gruppo Engineering, per un percorso di tirocinio formativo extracurriculare

 

Ministro e Ministero

Stampa e Media

Europa e fondi europei

Super Bonus garanzia giovani, cos’è e come ottenerlo

Super Bonus garanzia giovani, cos’è e come ottenerlo 0

Super Bonus Garanzia Giovani

Sito Garanzia Giovani

Il Super Bonus serve a favorire la stabilizzazione dei giovani duranet o dopo un tirocinio extracurriculare di Garanzia Giovani
 

Condividi con:

FacebookTwitterGoogle

E’ stato di recente introdotto con il Decreto Direttoriale n.16 del 3 febbraio 2016 pubblicato nella sezione “Pubblicità Legale” del sito istituzionale del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociale, un “Super Bonus Occupazionale trasformazione tirocini” nei limiti massimi previsti dall’articolo 32 del Regolamento UE n. 651/2014. L’obiettivo di questa misura è di promuovere e favorire l’inserimento occupazionale dei giovani.

Super Bonus, di cosa si tratta

Si tratta di un incentivo economico usufruibile per un anno in 12 rate mensili, per quei datori di lavoro che stabilizzano a tempo indeterminato, dal 1° marzo 2016 al 31 dicembre 2016, soggetti assunti con tirocinio avviato entro il 31 gennaio 2016 in ambito del Programma “Garanzia Giovani”. L’assunzione deve comportare un incremento occupazionale netto.

Inoltre, i giovani all’inizio del percorso, come requisito, dovevano rientrare nella cosiddetta categoria “neet” cioè “che non lavorano e non studiano”.

Quanto spetta

L’incentivo in esame può essere fruito oltre i limiti del regime “de minimis” di cui al Regolamento (UE) n.1407/2013 ed è cumulabile con altre agevolazioni contributive previste per le assunzioni.

L’importo corrispondente a questa agevolazione, si estrapola dalla classe di profilazione attribuita dal Centro per l’Impiego nelle apposite tabelle.

I requisiti previsti per poter ottenere l’incentivo sono diversificati a seconda dell’età del soggetto che verrà stabilizzato con un contratto a tempo indeterminato rispettando le due diverse fasce dai 16 ai 24 anni e dai 25 ai 29 anni.

Come si ottiene il Super Bonus garanzia giovani

Sarà l’Inps che accetterà le domande concernenti il Super Bonus, come per il precedente bonus occupazionale Garanzia Giovani, e autorizzerà la fruizione nei limiti dei fondi stanziati dal Governo che ammontano in € 50.000.000 sull’intero territorio nazionale.

Oltre ai requisiti sopracitati, per i giovani dai 25 ai 29 anni, devono ricorrere le seguenti condizioni:

  • stato di disoccupazione pregressa di almeno 6 mesi;
  • non essere in possesso di un diploma di scuola media superiore o di qualifica professionale o completato la formazione da non più di due anni e non abbiano ancora trovato il primo impiego regolarmente retribuito;
  • vengano occupati in professioni dove il tasso di disparità tra uomo-donna supera almeno del 25% la disparità media tra uomo-donna in tutti i settori economici dello Stato.

  Min. Lavoro – Decreto Direttoriale 16/2016 – Super Bonus (898,7 KiB, 48 download)

San Pietro da Verona

 

San Pietro da Verona

Nome: San Pietro da Verona
Titolo: Sacerdote e martire
Ricorrenza: 06 aprile

Nacque a Verona, l’anno 1200. Benché i suoi genitori e tutti i suoi parenti fossero manichei, il nostro Pierino, protetto dalla divina grazia, rimase illeso da questa particolare religione, poiché a sette armi fu mandato dal padre ad una scuola cattolica, ove assieme ai primi elementi apprese la dottrina apostolica.

Un suo zio vedendo il grande amore del fanciullo per la religione cattolica, tanto fece che lo tolse da quella scuola.

Di comune accordo con il padre fu mandato all’Università di Bologna, ambiente allora di sfrenata scostumatezza.

Quanti fiori in mezzo a tanto marciume erano appassiti! Ma il giglio olezzante di Pietro, la candida sua anima, fu dal Divino Giardiniere serbata immacolata.

Stomacato per tanto male, decise di abbandonare tutto e tutti e si chiuse nella pace del chiostro domenicano, sotto la guida del suo santo Fondatore.

Suo principale studio era imitare i più fervorosi e cercare d’emularli.

Ancora novizio, cadde in una gravissima malattia, che mise in pericolo la sua preziosa esistenza; per grazia di Dio superò questa crisi e, nonostante rimanesse assai indebolito, s’applicò agli studi così che meritò, ancora chierico, la cattedra di Sacra Scrittura e di teologia del suo convento. Fin d’allora con grande sapienza e zelo difese la dottrina cattolica e confutò gli eretici.

Consacrato sacerdote, fu un instancabile ministro della parola di Dio nell’Italia Settentrionale e Centrale; migliaia erano le conversioni ch’egli operava colla sua parola e innumerevoli le anime che indirizzò alla santità.

A suggello del suo apostolato, egli chiese al Signore il martirio, ma Gesù volle prima sottoporlo a un’altra prova, per meglio prepararlo a questo atto eroico.

Fu accusato da alcuni confratelli d’aver introdotto nella sua cella persone d’altro sesso ed essersi intrattenuto a lungo con esse.

Pietro senza punto affermare o negare, umilmente confessò d’essere un grande peccatore.

Il Superiore credendolo colpevole, gli proibì di predicare e lo mandò come penitente al convento di Jesi. Ma l’innocenza trionfa sempre e Pietro riconosciuto innocente fu d’allora in poi ammirato e venerato dagli stessi accusatori. Fu pure premiato dal Signore, il quale infuse nuova grazia alle sue prediche. Ma gli eretici vedendo l’immenso bene che compiva, pensarono di togliergli la vita.

Conosciuta la via che avrebbe percorso per portarsi a Como, si posero in agguato, e al suo passaggio, assalitolo a colpi di sciabola l’uccisero il 6 aprile 1252. Prima di spirare balbettò una volta ancora il Credo, mentre il dito della sua destra, intinta nel proprio sangue scriveva nella sabbia: « Credo ».

PRATICA. — Cristiano, il Credo è il simbolo della fede cattolica che professi: esso riassume la verità della religione. Recita tutti i giorni questa ammirabile preghiera.

PREGHIERA. — Fa’, te ne preghiamo, o Dio onnipotente, che imitiamo la fede del tuo martire Pietro quale per la dilatazione della stessa fede, meritò di ottenere la palma del martirio.