Immigrazione

immigrazioni.jpgNEWS

Immigrazione in aumento in Italia

Presentato il XIV rapporto Ismu
 

Continua a crescere il numero di immigrati In Italia. Sono oltre 4 milioni. Al primo gennaio 2008 hanno raggiunto la quota di 4 milioni e 328mila, con un incremento rispetto al 2007 di 346 mila persone. La maggior parte di loro ha il permesso di soggiorno (3 milioni e 677 mila), mentre gli irregolari, circa 651mila, sono in aumento visto che nel 2007 erano 349 mila. È quanto emerge dal “XIV rapporto sulle migrazioni 2008”, presentato questa mattina a Milano dalla Fondazione Ismu (Iniziative e studi sulla multietnicità).

Nella classifica delle nazionalità, in testa i romeni (625 mila, più 82,7% rispetto al 2007), seguiti da albanesi (402 mila), marocchini (366 mila), cinesi (157 mila) e ucraini (133mila). I minori figli di immigrati, sono 767 mila, di cui 457 mila nati in Italia. E fra i banchi di scuola gli alunni stranieri sono 574.133 (anno scolastico 2007/2008), 70 mila in più rispetto all’anno precedente.

Lavoro. L’Inail nel 2007 ha registrato quasi 3 milioni di assicurati fra gli immigrati, segno che la maggioranza ha un lavoro. Secondo l’Ismu il tasso di occupazione è del 65,7%. Sono inoltre sempre di più gli immigrati che fanno carriera all’interno delle imprese, ricoprendo cariche sociali: sono infatti 384 mila, il 145,6% in più rispetto al 2000 quando erano solo 156 mila. E continua anche il trend positivo degli stranieri che diventano imprenditori: le ditte individuali sono 258 mila, mentre nel 2007 erano 85 mila.

Criminalità. Nel 2007 il 35% delle segnalazioni di reati ha riguardato gli immigrati. In carcere su 55.057 detenuti (al 30 giugno 2008), 20.617 sono stranieri, pari al 37,4% della popolazione carceraria. “Molti reati sono violazioni delle leggi sull’immigrazione – avvertono i ricercatori dell’Ismu – . Per gli stranieri, inoltre, la custodia cautelare è sempre in carcere poiché è raro che si concedano i domiciliari”. (dp)

Immigrazioneultima modifica: 2009-01-21T12:52:15+01:00da vitegabry
Reposta per primo quest’articolo